Peso o composizione corporea?

Quanto è importante la composizione corporea? Spesso valutiamo il nostro corpo solamente analizzando il peso, ma quel numero sulla bilancia che ci indica veramente poco. Ti sei mai chiesto da cosa è composto veramente il tuo peso? L’analisi della composizione corporea è fondamentale per strutturare un percorso che ci porti agli obiettivi prefissati.

Calcolare la composizione corporea: lo strumento della BIA

La ricerca scientifica e tecnologica ci ha dotato di strumenti professionali per analizzare la composizione corporea. Uno dei più affidabili è l’analisi bioimpedenziometrica BIA (che potete trovare anche tra i miei servizi) in cui si utilizza la corrente elettrica, come nell’elettrocardiogramma, per rilevare due parametri che consentono di fare stime attendibili e realistiche della composizione corporea.

Spesso, invece si utilizzano le “bilance smart” che di “smart” non hanno proprio nulla: non sono assolutamente affidabili. Lo strumento che si utilizza deve essere validato scientificamente e deve garantirci di avere valutazioni affidabili. Trarre informazioni da uno strumento commerciale e non professionale ci espone a valutazioni sbagliate che sono inutili e controproducenti.

composizione corporea

È giusto monitorare solamente il peso? Il BMI non basta

L’indice più utilizzato per analizzare lo stato di forma è il BMI (Body Mass Index) che dipende dal rapporto tra peso altezza. Spesso purtroppo il BMI porta a valutazioni completamente sbagliate, soprattutto negli sportivi.

Due persone con stesso peso ed altezza hanno lo stesso BMI, ma potrebbero avere una composizione corporea (percentuale di massa grassa) molto diversa. Entrambi risultano sovrappeso o obesi, secondo il BMI, ma uno dei due lo è davvero, l’altro assolutamente no. Questo errore colpisce soprattutto gli sportivi che hanno una percentuale di massa magra maggiore della media della popolazione.

Come fare quindi a valutare il peso forma se non misuri quanta massa grassa hai effettivamente?

E se stai dimagrendo sei sicuro che vada tutto bene? Una riduzione del peso sulla bilancia potrebbe significare sia una riduzione della massa grassa ma anche una perdita di massa magra: liquidi, o massa muscolare, e questo è il principio su cui si basano le “diete miracolose” commerciali.

Ovviamente se si perde peso ma non si riduce il grasso non c’è dimagrimento ma disidratazione (perdita di liquidi) o deperimento (perdita di muscolo), entrambe condizioni da evitare assolutamente. L’unico modo per capire se il percorso è giusto è quello di analizzare la composizione corporea.

L’incidenza della ritenzione idrica, un fattore da non sottovalutare

Un ultimo esempio sulla ritenzione idrica: se il tuo peso in eccesso non dipendesse da una quantità eccessiva di grasso ma dalla ritenzione di liquidi? Convinti che l’obiettivo sia quello di dimagrire e continuate a fare diete su diete e magari anche tanto allenamento aerobico. Vi svelo un segreto: non state facendo altro che peggiorare la situazione!

Dunque, valutare correttamente la composizione corporea è fondamentale per definire correttamente gli obiettivi e capire quale percorso intraprendere.

Lascia la tua mail per ricevere le mie regole alimentari e migliorare le tue abitudini

Leave a Reply